In margine a un’epidemia: risvolti linguistici di un virus - II puntata

Aprile 2020


di Claudio Marazzini

Nel mese di marzo abbiamo pubblicato un primo intervento dal titolo In margine a un’epidemia: risvolti linguistici di un virus”. Successivamente tale intervento ha lasciato il posto a quello, più festoso, dedicato al Dantedì.

Ora torniamo al primo argomento, perché ci sono sviluppi interessanti, anche se, ahimè, non ancora legati al “linguaggio della liberazione”, di cui speriamo di poter parlare presto, alla fine della pandemia, quando verrà.

Prendiamo lo spunto da alcuni interventi  comparsi in questi giorni in Rete.

Il sito Vita.it ha pubblicato un lungo e articolato intervento in cui stigmatizza l’uso di metafore belliche nella comunicazione sociale e giornalistica relativa alla lotta (scusate, ci sono cascato anch’io) al virus. La metafora bellica è sbagliata, secondo Marino Sinibaldi: “E poi una guerra ha un fronte dove stanno alcuni. Qui il fronte non c’è o siamo tutti. La guerra in fondo deresponsabilizza delegando a chi combatte (la prima linea, eccetera eccetera...). Qui siamo tutti responsabili”. Altrettanto netto è Massimo Vedovelli: “un'altra comunicazione è possibile? Certo, basata sulla ragione o almeno su un'etica della comunicazione che miri, da un lato a 'lottare contro l'inesprimibile', dall'altro a creare la relazione sociale. Oggi l'uso della metafora bellica sta appiattendo su un'unica modalità la visione dello stare insieme come società complessiva e i fautori dell'odio contro l'altro hanno trovato nel virus e in questa sua narrazione un'ulteriore occasione per alimentare chiusure, barriere, scontri”. L’articolo porta anche una mia riflessione, che però è di segno un po’ diverso: “La scelta (delle metafore belliche allarmanti) non è questione di lingua, ma di decisione politica. Ovviamente la richiesta di mobilitazione rivolta al Paese comporta una tendenza a usare quei termini, anche perché non ci sono precedenti nella collettiva memoria pacifica degli italiani di oggi. E certamente, l’uso delle parole segnala il livello di allerta che il Governo ritiene opportuno in un determinato momento, e la ricezione di quest’uso determina una commisurata reazione della comunità”. Avrà ragione Sinibaldi che stigmatizza le metafore belliche come “miseria del nostro immaginario”? Forse sì. Ma come si può pensare alla mobilitazione (di nuovo lessico militare) della gente senza usare un linguaggio allarmante e allarmato? La rinuncia al linguaggio bellico e bellicoso non è forse frutto di un’utopia, seppure ispirata a un sentimento lodevole quanto aristocratico, un sentimento che rischia di essere moralmente ineccepibile, quanto poco efficace sul piano pragmatico? Il problema è comunque interessante: una specie di questione del “linguaggio politicamente e moralmente corretto in tempi di pandemia”. Una nota: pandemia non spaventa più di epidemia, contrariamente alle mie ipotesi iniziali. Infatti la maggior parte degli italiani non coglie affatto il significato greco di “pan-”.

Una speciale attenzione stanno suscitando i nuovi anglismi veicolati con dovizia dalla comunicazione giornalistica legata all’emergenza. Il sito blog.terminologiaetc.it ha definito “anglismo inquietante” il Covid Hospital; ha denunciato l’equivoco del Droplet inteso come “norma e criterio della distanza per evitare il contagio”; ha contestato la legittimità di smart working e di smart schooling: le forme ora in atto non sarebbero smart working ma telelavoro, cosa di per sé discutibile e discussa di fatto, perché il telelavoro è in realtà altra cosa, anche se è vero che quello ora diffuso in gran fretta, più che essere "smart working”, assomiglia a una sorta di “lavoro d’emergenza”. Con rammarico devo notare che smart working sta soppiantando il nostro “lavoro agile”, che pure esiste e anche si difende come può. Per quanto si debba accordare fiducia limitata al motore di ricerca di Google (in questo caso interrogato con stringa virgolettata per avere maggior precisione), "smart working" totalizza “circa” 8.440.000 risultati, "lavoro agile" circa 805.000. L’anglismo stravince ai punti, com’era prevedibile.

Un lungo articolo pubblicato nel sito della Treccani, a firma di Daniela Pietrini, riesamina la storia della parola coronavirus (già discussa da altri, tra cui il linguista Sgroi, ripreso nel il nostro sito, quando prendemmo lo spunto dal “coronavairus” del ministro Di Maio). Daniela Pietrini ha aggiunto all’elenco del lessico emergenziale alcune neoformazioni (cretinavirus o covidiota: per quelli che non rispettano le norme del governo; pauravirus; coronabond, corona-caos, corona-crisi; Corona-Party: festa organizzata dagli incuranti dei divieti; corona-fake: notizia falsa sul virus) o combinazioni lessicali che hanno trovato modo di circolare, come furbetti della zona rossa, della spesa, della passeggiata, del test del tampone, delle uscite, delle seconde case, del divieto, del decreto, del contagio, del fine settimana, della quarantena, fino ai furbetti del coronavirus. Una bella rassegna, mi pare, di probabili occasionalismi, che mostrano la virtù inventiva degli scriventi italiani, a cui la quarantena non ha tolto il brio della scrittura. A proposito: sulla parola quarantena molti hanno discusso a lungo in questo periodo, chiedendosi se dovesse durare proprio quaranta giorni; la risposta risolutiva sta nel sito della Crusca.

Il direttore del “Resto del Carlino”, infine, rispondendo a un lettore, è tornato sul tema degli anglismi. Così aveva scritto il sig. Angelo Ravaglia:

Bologna, 29 marzo 2020 - Oltre alla pandemia dilaga l’anglomania: lockdown, smartworking, checkpoint, cluster, triage, drive-thru, runner, test, clinic trial, whatever it works…..il virus mondiale diffonde con sé anche la lingua della globalizzazione. Oggi, senza conoscere questi anglicismi non si può fronteggiare l’emergenza. Oppure occorre chiamare Amazon per farsi recapitare a domicilio un dizionario di inglese. Ah, perfida Albione… niente hanno da dire i Soloni della Crusca di fronte a questa invasione nel nostro lessico, proprio nell’anno di Dante, padre della lingua italiana? Ideona: dobbiamo tradurre tutto in inglese, solo così ci salveremo. Come si dirà tampone o mascherina? Oh yeah...alla faccia della Brexit!
Stay home ...anzi stasìv a cà, come si dice in dialetto!

Il direttore si è complimentato con il lettore, e altrettanto faranno ora i Soloni della Crusca, salvo osservare, puntigliosi come sono, che triage, ormai stabilmente affermato da anni in tutti gli ospedali d’Italia con i simpatici protocolli colorati, non è inglese ma francese. 

Aggiungerò una notizia golosa. Il gruppo Incipit, che propone possibili alternative ai termini stranieri, ha avviato una discussione su lockdown,  che potrebbe essere detto, a scelta, confinamento o segregazione, anche se l’uso prevalente, nella comunicazione italiana di questi giorni  sembra alludere piuttosto alla chiusura forzosa degli esercizi commerciali e delle fabbriche, e finisce quindi per equivalere a serrata o chiusura obbligatoria o obbligata (lo ha osservato, nel corso del dibattito interno a Incipit, il linguista e accademico Michele Cortelazzo).

Incipit non ha ancora emesso il suo verdetto, ma certo la fortuna ormai irresistibile di lockdown fa molto riflettere. Che cosa vuol dire in inglese? Ecco la paginetta dell’Oxford dictionary edizione per telefonino (bellissimo vocabolario, che la Crusca molto invidia agli amici anglosassoni):


Come si vede, il termine non è inglese di Oxford, ma americano. Viene dal linguaggio carcerario. Il paradosso sta nel fatto che gli interventi di limitazione della libertà personale per l’emergenza sanitaria, tra cui l’isolamento sociale (che ai cruscanti piacerebbe di più come isolamento interpersonale), sono stati presi prima da noi, e in seconda battuta  dagli altri paesi, spesso costretti a imitarci loro malgrado. I provvedimenti di lockdown sono stati presi molto tardi soprattutto dagli americani e dagli inglesi, che prima ci scherzavano sopra. Eppure, nonostante ciò, abbiamo sentito il bisogno di usare un’espressione non italiana, forse perché suonava meno spaventosa del più crudo segregazione, o forse perché si è messo in atto il solito procedimento: attribuire a una parola straniera assolutamente ignota agli italiani un significato tecnico molto specifico (in questo caso: isolamento e chiusura a causa di restrizioni sanitarie), un significato che magari manco si è stabilizzato  nella lingua originaria, e poi far circolare questa parola al posto delle nostre, chiare e trasparenti.


* Jean Claude Egger, Capo sostituto della Sezione “Legislazione e lingua” presso la Cancelleria federale svizzera, segretario della Sottocommissione di lingua italiana della Commissione di redazione dell’Assemblea federale elvetica, membro del gruppo Incipit, ci ha segnalato  che anche nel mondo germanofono si dibatte sulla legittimità del lockdown: https://www.bluewin.ch/de/leben/lifestyle/lockdown-und-andere-coronische-anglizismen-374716.html.


Allegati

Claudio Marazzini
22 aprile 2020 - 00:00

Intervento di chiusura di Claudio Marazzini

Ringrazio coloro che sono intervenuti, e che hanno precisato, aggiunto, discusso i dati relativi alla gragnuola di anglismi che l’emergenza ci ha tirato addosso. Del resto i temi emersi nelle due puntate del “Tema del mese” dedicate ai rapporti tra covid-19 e lingua italiana hanno suscitato una certa risonanza nella stampa, anche perché negli stessi giorni è uscito il comunicato Incipit n. 13, relativo al data breach dell’Inps, che non è un termine direttamente legato alla pandemia, ma è stato determinato da un’emergenza informatica che senza la pandemia non si sarebbe verificata, perché non ci sarebbe stato l’assalto di massa al portale dell’INPS. Inutile dunque che io commenti ancora, dopo gli interventi di tanti bravi giornalisti, Di Stefano e Severgnini sul “Corriere della sera” (il 21/4 e il 22/), Paola Taddeucci su “Il Tirreno” e su “La Stampa” (21/4), Edoardo Semmola sul “Corriere fiorentino” (21/4). Resta un tema di riflessione: mentre noi parliamo di “lockdown” e di “post lockdown” (quest’ultimo l’ho trovato in un documento del Ministero dell’università), cioè mentre mostriamo di essere affezionatissimi alla parola americana di origine carceraria, ora trasbordata alla sicurezza collettiva e medico-sociale, secondo alcuni una parola di cui non potremmo fare a meno senza ritrovarci muti, gli spagnoli hanno tranquillamente adottato “confinamiento” e “deconfinamiento”, e i francesi “confinement” e “déconfinement”, nei giornali e nel linguaggio dei loro uomini politici. La ricognizione di “lokdown” nei giornali di quelle nazioni praticamente non dà risultati: si trovano solo briciole. Il comportamento linguistico di spagnoli e francesi è stato univoco e spontaneo (non è certo intervenuta l’autorità dell’Académie française, tantomeno quella della RAE). Gli italiani sono andati da soli in una direzione diversa, e questo è un dato di fatto che forse significa qualche cosa. Anche la discussione sull’altro tema a cui avevo fatto riferimento, cioè il “linguaggio di guerra” nella contrapposizione al virus, continua a tenere banco, e non risulta meno appassionante della battaglia degli antipuristi contro i puristi. Poi potremmo analizzare (non l’abbiamo ancora fatto) le forme dialogiche utilizzate da virologi e immunologi nei loro incontri televisivi e sui social. Ma siamo arrivati tardi su questo ghiotto argomento, e ormai conviene tacere, e semmai leggere le spassose considerazioni di Gramellini nel “Caffè” del “Corriere della sera” del 21 aprile, sotto il titolo sarcastico “Scienza ritegno”.

Rispondi

Licia Corbolante
17 aprile 2020 - 00:00
Aggiungo qualche dettaglio su lockdown per inquadrare l’anglicismo nel suo uso in inglese. Nel contesto coronavirus non va ricondotto al significato carcerario originario di segregazione ma alle procedure di messa in sicurezza di persone in pericolo o sotto minaccia, come nel caso tipico delle sparatorie di massa. Con lockdown si intendono misure di emergenza codificate che in particolari situazioni impediscono temporaneamente di entrare o uscire da una zona specifica. Non si tratta di provvedimenti repressivi: chi si trova “in lockdown” sa che è una condizione temporanea volta a salvaguardare la propria incolumità. Nell’uso più recente, adottato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dai media nell’emergenza da COVID-19, il significato di lockdown è stato ampliato: nella nuova accezione indica genericamente la situazione causata dai provvedimenti e dalle azioni di contenimento disposti dai governi per contrastare la diffusione del virus, in particolare le misure di distanziamento sociale (in inglese “social distancing”, da non confondersi con “social distance”, la distanza interpersonale). Aggungo anche che in inglese la chiusura forzosa di servizi e attività produttive e commerciali non è lockdown bensì “shutdown”, una differenza che i media italiani non sembrano aver colto.

Rispondi

Mariacira Improta
13 aprile 2020 - 00:00
Certo quando si vivono situazioni sconvolgenti nascono parole e modi di dire che vogliono comunicare forti emozioni. Ciò che colpisce è che invece di utilizzare la lingua italiana o qualche dialetto particolarmente ricco ,si utilizzano o si coniano parole straniere in particolare anglicismi per essere più moderni e globali.La parola "lockdown" pur di origine americana viene usata anche in U.K. mentre "smart working" è incomprensibile per gli Inglesi. Tra le loro misure al tempo del coronavirus c'è il "working from home or at home" o "remote working". In italiano è meglio dire lavoro da casa mediante strumenti digitali ,dato che " lavoro agile" da voi proposto sembra coprire un campo semantico più vasto. Per "lockdown"si potrebbe suggerire isolamento sociale e chiusura forzata.

Rispondi

Andrea Biggio
11 aprile 2020 - 00:00
Ascoltarla è sempre ricevere maggiore luce sulle cose della vita: questa è la mia esperienza. A Piazzapulita lei ha nuovamente usato una metafora bellica per parlare dell’attuale momento. Amo metafore e etimologie sin dall’epoca del liceo classico. Da giovanissimo andai in Grecia e mi colpirono alcuni camion sui quali c'era scritto METAFORAI, si trattava di ditte di trasporti: la metafora opera “un trasporto di senso”. Quando qualcuno (media, scienziati, esperti, intellettuali, scrittori, psicoanalisti, etc.) cerca nel suo “linguaggio” (Lacan) parole per un evento, la comprensione per gli altri è spesso condizionata pure dalla “cornice” usata (Bateson/psicologia e Goffman/sociologia) per l’evento-quadro che il soggetto decide di incorniciare. La cornice è il “frame”: per carità cambiamo frame nel discorso-quadro sul virus! Le metafore belliche hanno una cifra, ai miei occhi, ben precisa: sono politiche. Ecco Berlusconi: "In guerra un Paese deve stringersi intorno a chi decide" La Rep- 30 marzo 2020 ******************************************************* Se nel parlare dell’evento-quadro coronavirus quel qualcuno usa come frame-cornice metafore belliche, o analogamente allarmanti: virus “killer”, siamo in “guerra”, “vittime”, dobbiamo “combattere”, “coprifuoco”, “lotta”, “nemico invisibile” (come nel terrorismo), vinceremo queste “battaglie” ; quel qualcuno …ti passa insieme al racconto dell’evento una visione emotiva del momento che ti condiziona e nuoce ai più fragili, anche di più ai bambini: chi sono i terroristi che non si vedono (come il virus) che ti possono far saltare in aria in ogni momento? Queste metafore usate come frame servono - per come la vedo soggettivamente - a creare uno storitelling ingannevole che condiziona chi lo ascolta “a sua insaputa” e ne fa aumentare - con ogni probabilità - la quota di paura. Accade dunque che l’accettazione cieca (inconsapevole) della metafora usata può evocare realtà terribili e paure oltre quelle reali. **************************************************** Le ideologie politiche, economiche, scientifiche possono mascherare certi aspetti della realtà e influenzare la nostra vita quotidiana eliminando risorse anziché aiutando a scorgerle. “Una metafora in un sistema politico o economico, a causa di ciò che maschera può produrre per l’umanità delle conseguenze disastrose” (Lakof). *************************************************** Piccolo corollario su quanto gli scienziati ci stanno offrendo in questo periodo, per come io li vivo: “Verosimiglianza, ma non verità; apparenza di libertà, ma non libertà: grazie a questi due frutti, l’albero della scienza non corre il pericolo di venire confuso con l’albero della vita”. Friedrich Nietzsche

Rispondi


Il tema corrente

Il genere di covid-19 e i giornali italiani

Il presidente dell'Accademia, Claudio Marazzini, torna ancora a stimolare la riflessione sul genere del nome covid-19.

Archivio Temi

Angela Ferrari

L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale?

Angela Ferrari, professoressa di linguistica italiana all’Università di Basilea e accademica corrispondente della Crusca, presenta il progetto di ricerca del quale sarà responsabile, che avrà lo scopo di studiare l'italiano istituzionale della Svizzera.  

Documento per la ripresa della vita scolastica

Gli accademici Rita Librandi, Claudio Giovanardi e Francesco Sabatini invitano a riflettere e discutere sul problemi connessi all'insegnamento a distanza e alla riapetura delle scuole.

In margine a un’epidemia: risvolti linguistici di un virus - II puntata

In questo periodo di emergenza, il presidente dell'Accademia Claudio Marazzini torna a riflettere sulle implicazioni linguistiche della diffusione del nuovo virus.

Vai all'archivio

Agenda eventi


Avvisi

Una nuova banca dati in rete: la Stazione Lessicografica

Avviso da Crusca

Un sistema di consultazione integrato di dizionari di italiano in rete, aperto a tutti. La Stazione è raggiungibile dalla sezione Scaffali digitali.

Biblioteca dell’Accademia della Crusca: servizi in emergenza covid-19

Avviso dalla biblioteca

Modalità di accesso alla sala consultazione e alle collezioni della Biblioteca aggiornate al 31 luglio 2020.

Commento di chiusura al Tema di Angela Ferrari

Avviso da Crusca

Il commento di chiusura a L’italiano istituzionale svizzero: come parla la burocrazia confederale? è disponibile nella sezione "Il Tema".

Il Tema Il genere di covid-19 e i giornali italiani, di Claudio Marazzini

Avviso da Crusca

Nella sezione "Il Tema" è possibile intervenire.

Claudio Marazzini rieletto Presidente dell'Accademia della Crusca insieme al nuovo Consiglio

Avviso da CruscaIl presidente Marazzini è rieletto per il suo terzo mandato; il Consiglio è stato rinnovato. Maggiori informazioni sono disponibili nella sezione "Ufficio stampa".

Gruppo Incipit: La notifica del data breach: un anglicismo inopportuno e incomprensibile. Si usi “violazione dei dati”

Avviso da Crusca

Il nuovo comunicato del gruppo Incipit è disponibile nella sezione "Comunicati stampa".

Biblioteca dell'Accademia - Donazioni

Avviso dalla biblioteca

La Biblioteca accetta in dono unicamente opere attinenti ai propri ambiti disciplinari.
Le opere inviate non saranno comunque restituite al donatore.

Vai alla sezione

Notizie dall'Accademia

L’italiano non è una lingua da confinare. Intervista a Claudio Marazzini

27 apr 2020

Il nuovo direttore dell'Opera del Vocabolario Italiano

20 apr 2020

Le celebrazioni del centenario della nascita di Gianfranco Folena

14 apr 2020

Il perfetto italiano del primo ministro albanese Edi Rama e l'amicizia tra le nostre due nazioni

09 apr 2020

25 marzo, ore 18: appuntamento al balcone per il primo Dantedì

24 mar 2020

Due speciali su Dante di Rai Cultura

22 mar 2020

25 marzo 2020: il primo Dantedì

21 mar 2020

Claudio Marazzini intervistato su Nev.it

06 mar 2020

Vai alla sezione